65,5 milioni di anni fa, alla fine del Cretaceo,  un meteorite colpì la terra decretando l’estinzione dei dinosauri: questo è ciò che abbiamo letto e studiato sui nostri libri di scuola. Ma un recente studio di un gruppo di ricercatori dell’American Museum of Natural History  sostiene invece che in realtà  i “giganti del passato” erano già in una fase di progressivo declino.

Lo studio si è sviluppato attraverso l’analisi della struttura scheletrica e il calcolo della disparità morfologica (cioè il modo in cui varia la struttura scheletrica all’interno di un gruppo) mostrata dai 7 maggiori gruppi di dinosauri vissuti nella fine del Cretaceo. Negli ultimi 12 milioni di anni del Cretaceo, si è visto che alcuni dinosauri erbivori (ceratopsidi e adrosauri) diminuivano di numero, al contrario di alcuni erbivori – grandi (sauropodi) e piccoli (pachicelafosauri e anchilosauri) – e alcuni carnivori (come i celurosauri e i tirannosauri ). Per di più,  saltando da un continente all’altro, questa situazione poteva talvolta capovolgersi.

L’evoluzione dei dinosauri nel tardo Cretaceo è dunque un fenomeno assai complesso da osservare. Inoltre non tutti i dinosauri si sono estinti, si sono bensì evoluti sviluppando le prime piume e dando vita agli uccelli.

Ecco l’articolo originale su Nature Communications.

 

comments

Tags: dinosauri, dinosauro, estinzione, meteorite

Lascia un Commento

*

Spam protection by WP Captcha-Free